Volete inventare e realizzare vostre idee? La Stampante 3D ti viene in aiuto!

Avete mai sentito parlare di stampante 3D?

Sicuramente su qualche giornale o canale televisivo.

Ma cosa fà realmente questa macchina?

In realtà tutto, può creare qualcosa dal nulla. Si possono stampare oggetti in plastica, metallo, nylon ed altri materiali. Da oggetti senza senso, a prototipi di fabbricazione o parti di motori di aerei e persino organi umani utilizzando le cellule di una persona.

E’ possibile tutto questo?

Assolutamente sì!

La stampa 3D viene chiamata in gergo professionale, “fabbricazione additiva” che ci porterà in una nuova realtà personalizzabile. Questa tecnica permette di creare un oggetto, utilizzando solo il materiale necessario, portando ad una maggiore efficienza e ad una riduzione degli sprechi, al contrario di come avviene ora, che invece si creano oggetti attraverso la rimozione di materiale da un blocco unico.

stampanti3d

Ad esempio, se avessi bisogno di un pezzo della tua auto, attualmente lo dovresti ordinare presso un rivenditore, che se lo farà arrivare da un distributore, che a sua volta ha ricevuto dei pezzi dalla Cina, dove vengono creati in serie. Invece con la stampante 3D, lo si potrà fare direttamente da casa con un file CAD scaricato. Essa può creare un oggetto tridimensionale strato dopo strato, fino a quando l’oggetto non è completo. Il concetto è molto simile alla stampa in 2D su un foglio di carta, ma con una terza dimensione aggiunta, ossia l’asse Z. Immaginate una torta a più strati uno sopra l’altro, finché non si forma l’intera torta.

Le tecniche più diffuse per la stampa sono la FDM, in cui un materiale viene fuso ed estruso in strati uno sopra l’altro, oppure la SLS, dove un letto di materiale in polvere come il nylon o il titanio è indurito, strato su strato, all’interno di esso.

Per creare un modello, una stampante 2D ha bisogno di informazioni che gli vengono date, ad esempio, attraverso un file di Microsoft Word. Mentre nella stampante 3D le istruzioni vengono trasmesse attraverso un file CAD, che può essere creato dall’utente o dallo scanner 3D. Quando il documento sarà ricevuto dalla stampante, essa produrrà diversi strati sottili uno sopra l’altro, fino a quando l’oggetto non sarà completato.

image_new.php

Attualmente questo tipo di stampanti sono disponibili al commercio per grandi aziende, anche se, grazie al progetto open source “RepRap” si sta cercando di diffondere questa nuova tecnologia anche per uso privato. L’interesse per questo progetto ha portato alla produzione di un certo numero di stampanti 3D con conseguente abbassamento del prezzo di vendita.

La-stampa-3D-diventa-grande

La stampante 3D avrà un grosso impatto sulle nostre vite, per quanto riguarda sia gli effetti sul consumo di energia, sia sulla produzione di rifiuti. Grazie alla possibilità di personalizzare oggetti, si potranno stampare tessuti umani per test farmaceutici, oppure organi interi. In architettura si potranno costruire in modo rapido ed economico strutture in calcestruzzo. Ed avrà un impatto positivo anche sull’arte e sulla scienza.

E voi la comprereste una stampante 3D?

Stay tuned

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]

[/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]